POESIA ALLA VALLE

IN DIALETTO TRENTINO

“Ogni bòt ca pàssu al ri dal Finàl’

e ma sa presénta, dòp l’òfta, la val,

séntu vargùta ca cànta ‘nt al cör;

mi sènu ligér, mi sèntu sicör”.

Ci ‘l mi disiva ‘n umöt da Burzàc

cal nàva ‘n muntàgna cun in spàla ‘n prussàc, “Lavòru a Milàn; g’ò giü ‘n butigòt amù quàlchi an, e pò fu ‘l fagòt; implàntu lì tüt, e vègnu chi al mé paiss ca la val da la Trisa l’é ‘l pü bèl paradìss”.

 

A ‘n vècc chi dundàva pugià al sò bastùn dré a l’ültima spéra di sul da l’aftùn, ò vulöst dumandàrghi: “Nònu, scüsè, par vü sta Rendéna, èla bèla, e parchè?”

– “Mè ò scarminà tuchèi dal mé cör

in ògni cantùn dal mòndu, e pör

ànca si adèss su chi ca nu g’ò gnént

mi séntu in siòr in mèz a la mé gént.

L’ünic dispiazér ca g’ò, l’é ca nu pòss

lagàrghi niént; ghi lagarò i mé òss!”

 

“Ogni bòta ca pàssu al rì dal Finàl

e dré a li spàli mi làgu la val,

séntu vargùta chi piànc int al cör,

séntu ògni bòta vargùta chi mör.”

– Cì ‘l mi didìva ‘n umöt da sti agn

ca l’iva girà ‘l mondu di dré dal sö argàgn.

“Par ciapàr ‘na pagnòca travarsàvani ‘l buiùn e par pudérsi diféndar parlàvan tarùn.

 

Partivan gnaréi, e turnàvan già griss

ma ‘l cör di tüc quanc l’èra chi ‘n sti paiss:

Campöi, Mavignöla, Giüstin e Pinzöl,

Massimén, Cadarciùn, Buzanàc, Carisöl,

Verdesina, Murtàss, Pilüc e Iavrè,

Spiàz, Vìla, Strémp, Vich e Darè.

Li càsi, li ciési cui sö campanìi,

li séghi cu li pìli e i camp di patàti,

i vécc trasandéi cun giü li buciàti.

Funtàni chi sgràna ‘l sò turululò,

li stàli chi pàrla di zéntu filò!

 

Li sölvi cui pàscui, li vàchi, i cavài,

i cròz culòr ròsa e ‘l biànc dai ghiaciài.

Tri bacàn chi discòr sa ‘l cò dal stradùn, tri ciòspi chi bàba di dré da ‘n cantùn.

In ciél tüt zilèst, quàlchi nügula grisa; ‘n usél chi sgulàza sài ram di ‘na zisa, ‘na via di flüa cunt in vècc capütel, in pugiöl pién di fìor, ‘n uft a but, in cancél; in sciàp di gnaréi chi fa ‘l girutòndu in sta val di Rendena, la pü bèla dal mòndu”

POESIA ALLA VALLE

IN ITALIANO

Ogni volta che passo il rio del Finale,

e mi si presenta, dopo la curva, , la valle,

sento qualcosa che canta nel cuore,

mi sento leggero, mi sento sicuro.

Così mi diceva un ometto di Borzago

Che andava in montagna con lo zaino in spalla.

Lavoro a Milano, là ho una piccola bottega,

ancora qualche anno e poi faccio le valigie,

lascio lì tutto e vengo al mio paese

perché la valle della “trisa”è il più bel Paradiso.

 

A un vecchio che dondolava appoggiato al suo bastone

all’ ultimo raggio di sole dell’ autunno

ho voluto chiedere: Nonno, scusate,

per voi  questa val Rendena  è bella, e perché?

 -Io ho lasciato pezzi del mio cuore

in ogni parte del mondo, e anche se adesso

sono qui povero che non posseggo niente

mi sento un signore in mezzo alla mia gente.

L’unico dispiacere che ho, è che non posso

Lasciare niente in eredità se non le mie ossa.

 

“Ogni volta che passo il rio del Finale

e dietro le mie spalle mi lascio  la valle

sento qualcosa che piange nel cuore,

sento ogni volta qualcosa che muore”.

Così mi diceva un ometto assai vecchio

che aveva girato il mondo dietro la mola  da arrotino.

Per prendere una pagnotta di pane attraversavamo l’ Atlantico

e per poterci difendere parlavamo un dialetto inventata da noi arrotini.

 

Partivamo ragazzi e tornavamo già vecchi

Ma il cuore di tutti quanti restava in questi paesi:

Campiglio, s. Antonio di Mavignola, Giustino e Pinzolo,

Massimeno, Caderzone, Bocenago, Carisolo,

Verdesina, Mortaso, Pelugo e Iavré,

Spiazzo, Villa Rendena, Strembo, Vigo e Darè.

Le case, le chiese con i loro campanili,

le segherie con le cataste di tronchi e i campi di patate,

i vicoli antichi fatti di sassi rotondi,

fontane che sgranano i tintinnii dell’ acqua,

le stalle che parlano di cento filò!

 

Le selve con i pascoli,le mucche e i cavalli,

le montagne color rosa,e il bianco dei ghiacciai.

Tre contadini che discutono sul ciglio della strada,

tre donne che parlano dietro a un cantone di casa.

Un cielo tutto azzurro, qualche nuvola grigia;

un uccello che vola sui rami di una siepe,

un sentiero con un vecchio capitello,

un poggiolo pieno di fiori, una volta a botte, un cancello;

un gruppetto di bambini che fa girotondo

in questa valle, la più bella del mondo.

Aperture
Il ristorante è aperto per TUTTO Novembre i fine settimana.
Da venerdì sera a Domenica sera: a pranzo dalle 12:30, a cena dalle 19:30
(Importante la prenotazione)
Openings
The restaurant is open for ALL Weekends on weekends.
From Friday evening to Sunday evening: lunch from 12:30, dinner from 19:30
(Important reservation)
отверстия
Ресторан открыт на ВСЕ выходные по выходным.
С вечера пятницы до вечера воскресенья: обед с 12:30, ужин с 19:30
(Важное бронирование)

Ristorante Mildas di Mirko e Franca Pizzini snc, via Antonio Rosmini 7, 38086 Giustino TN,

P.I 01109960227 - PEC per fatturazione elettronica: mildas@legalemail.info

Cookies e privacy: questo sito non utilizza con un cookie di profilazione

Prediligiamo l'utilizzo di materie prime a produzione biologica che rispettino l'ambiente con certificazione di provenienza.
Questa sensibilità si riflette anche nell'uso di prodotti biologici detergenti a basso impatto ambientale. Come tovagliato utilizziamo tovaglioli monouso Ecolabel in puro cotone al 100% premiati all'Expò di Milano fra le cinque eccellenze ecologiche mondiali. Le tovagliette, in fibra tessuto sintetica di alta qualità, vengono lavate e igienizzate dopo ogni pasto